Cari colleghi e autori potenziali!

La rivista annuale «Hypothekai» include lavori scientifici deidicati alle questioni dello studio, conservazione e popolarizzazione della cultura pedagogica antica nella sua dinamica storica. Sulle pagine della rivista è analizzato un ampio spettro di questioni rilevanti in merito alla comparsa dell’educazione antica e dello svilupo delle pratiche educative in diversi periodi storici.

Vi invitiamo a prendere parte alla creazione della rivista in diversa misura conterrà articoli scientifici, testi originali, traduzioni di lavori stranieri tematici. Questo permette di presentare al lettore un ampio spettro di vedute dei rappresentati di diverse scuole e indirizzi scientifici, e, altresì, di aprire una piattaforma interdisciplinare per le discussioni scientifiche. Il concept di ogni numero si snoda attorno ad un tema dato e ai testi inviatidai potenziali autori potenziali.

Il tema del terzo numero è “L’educazione nella tarda Antichità” (i materiali e le proposte saranno accettati entro l’11 marzo 2019). “L’educazione nella tarda Antichità”. Il periodo della tarda Antichità è un periodo di forte trasformazione degli istituti dell’Antichità classica, dell’affacciarsi di nuovi e dello sviluppo di vecchie tradizioni culturali, intellettuali e religiose. Proprio nel periodo del tramonto dell’impero romano, l’educazione antica vive il suo ultimo rigoglio, segnata dall’attività di famosi educatori come Libanio e Chorikios, Mario Vittorino e Temistio, Ausionio e Imerio, dall’attività di famosissimi centri educativi come le scuole di Atene, Alessandria, Gaza, Burdigala, Beirut ed altre. Dedichiamo il terzo numero “Hypothekai” allo studio di un vasto spettro di fattori che hanno garantito tale fenomeno socio-culturale e l’interazione di vecchi e nuovi elementi della vita educativa del mondo mediterraneo nel III - VII ss.

Il tema del quarto numero è “L’educazione del guerriero nel mondo antico” (materiali e proposte saranno accettati entro l’11 marzo 2020).

Preghiamo gli interessati di comunicarci la loro volontà di diventare direttori esecutivi o autori di un numero, inviando il tema previsto e il volume del materiale in fogli di stampa. Non è previsto alcun pagamento per la pubblicazione. Vi preghiamo di fare attenzione al fatto che la redazione della rivista invia i materiali cartacei agli autori e ai membri del collegio redazionale e non diffonde la rivista per abbonamento. Ogni autore può ricevere il proprio esemplare presso la redazione.